LA VIGNA IN PRIMAVERA

la vigna in primavera

Curare la vigna in primavera

Le operazioni indispensabili per ottenere un raccolto sano ed abbondante si snodano attraverso tutte le stagioni nei trattamenti vite. Le cure alla vigna seguono un ciclo fisso che inizia in febbraio e termina all’inizio dell’autunno, momento della vendemmia.

Le piante devono essere nutrite, potate, legate, irrigate, mantenute in buona salute. In quest’ultimo caso è meglio prevenire piuttosto che curare, perciò la tempistica degli interventi, in relazione agli eventi atmosferici, diventa particolarmente importante. Il nutrimento della pianta si ottiene concimando il terreno e dipende dall’età del vitignooccorre perciò distinguere tra piante giovani e non produttive e piante adulte, in piena produzione.

Le prime hanno bisogno di maggiori quantità di azoto, che serve per far sviluppare la pianta. Per produrre i frutti e favorire la maturazione sono invece più necessari il fosforo, il potassio e i microelementi, come il magnesio. Il sistema più semplice per distribuire i concimi è l’interramento, che avviene con la zappaturada effettuarsi principalmente in primavera.

La potatura della vite si effettua a partire da marzo e si distingue in potatura di allevamento, per formare la giovane pianta, e potatura di produzione, per mantenere la forma e l’equilibrio della pianta adulta. La legatura dei tralci si effettua in più riprese, seguendone la crescita; ha lo scopo di sostenere i tralci che possono spezzarsi sotto il peso dei grappoli o per l’azione del vento.

potatura vite 300x156 - LA VIGNA IN PRIMAVERA

#winecanto #vinipugliesi #vinibio  #vinivarietali #vinicasteldelmonte #andria